Iniezioni endobulbari

Le iniezioni endobulbari o intravitreali sono iniezioni di un farmaco in camera vitrea per prevenire un’ulteriore crescita di vasi sanguigni anomali che è alla base di molte patologie retiniche oculari, quali ad esempio la degenerazione maculare senile essudativa, l’edema maculare diabetico o l’edema secondario a trombosi di vari retinici.
L’iniezione intravitreale è una terapia che, da un po’ di anni, è entrata nelle pratiche abitudinarie degli oculisti, permettendo da un lato di migliorare la prognosi di diverse patologie riguardanti la retina e dall’altro, di ridurre i casi in cui si manifesta un peggioramento visivo.
Il COVV di Milano attua iniezioni endobulbari, terapia ad alta specializzazione, in un ambiente controllato e sterilizzato. Ai pazienti che si sottopongono a questo tipo di terapia, verrà effettuata un’anestesia topica e in generale, il trattamento è indolore e se eseguito correttamente non comporta alcun tipo di complicazione.

Iniezioni endobulbari di anti-VEGF (Lucentis, Eylea)

Ci sono diversi farmaci che possono essere utilizzati per procedere alle iniezioni intravitreali, in relazione al trattamento di una specifica patologia.
Alcuni dei farmaci approvati per l’uso intraoculare sono gli anti-VEGF.

Gli anti-VEGF sono inibitori della formazione di nuovi vasi sanguigni e sono utilizzati nel trattamento della degenerazione maculare senile essudativa, nell’edema maculare diabetico e nell’edema maculare secondario a trombosi dei vasi retinici.
Esistono diversi farmaci anti-VEGF attualmente utilizzati per il trattamento di queste patologie. I più conosciuti e adoperati sono quelli a marchio Lucentis ed Eylea.
Il COVV di Milano esegue regolarmente iniezioni endobulbari di anti-VEGF, seguendo con estrema precisione tutte le pratiche previste.

iniezione-occhio
controllo-occhio

Iniezioni endobulbari di farmaci cortisonici (Ozurdex)

Oltre i farmaci anti-VEGF, per l’iniezione intravitreale di farmaci in camera vitrea per risolvere dei problemi derivanti da alcune patologie, sono approvati e utilizzati i farmaci cortisonici.
I farmaci cortisonici sono utilizzati soprattutto per il trattamento dell’edema maculare secondario ad una trombosi dei vasi retinici e per patologie infiammatorie dell’occhio, come ad esempio l’uveite.
Le iniezioni endobulbari di farmaci cortisonici possono avvenire mediante l’utilizzo dell’ozurdex, un principio attivo che viene direttamente iniettato nell’umore vitreo dell’occhio e agisce in modo da bloccare la produzione del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) e delle sostanze che provocano infiammazione e dolore.
Il COVV di Milano, grazie alla sua esperienza e professionalità, svolge terapie ad alta specializzazione come le iniezioni endobulbari di farmaci cortisonici.

Iniezioni endobulbari di jeatrea (ocriplasmina)

Oltre l’iniezione di farmaci cortisonici e anti-VEGF, esiste un ultimo tipo di terapia endobulbare conosciuta come iniezione di jetrea.
Jetrea è un medicinale contenente il principio attivo ocriplasmina, è molto utile nel trattamento delle trazioni vitreomaculari e in alcuni casi anche di fori retinici maculari.
La trazione vitreomaculare è provocata da adesione vitreomaculare, per cui il corpo vitreo rimane attaccato con forza anomala alla parte centrale della retina. Con il passare del tempo le dimensioni del corpo vitreo si riducono e l’area interessata dall’attaccamento anomalo può esercitare una trazione sulla retina, ciò può provocare rigonfiamenti e problemi concreti alla vista.
Il farmaco, una volta iniettato, elimina la trazione vitreale e facilita il completamento del distacco del vitreo.
L’ocriplasmina è simile alla plasmina umana, un enzima presente nell’occhio, la quale funzione è quella di demolire le proteine responsabili dell’adesione presenti tra corpo vitreo e retina, riuscendo quindi a migliorare la vista e ridurre il rigonfiamento.
Il COVV, centro oftalmico di Milano, svolge regolarmente iniezioni endobulbari di jeatrea, garantendo ai propri pazienti il massimo della professionalità.

Per info e prenotazioni contatta il centro.

Iniezioni endobulbari di jeatrea